Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo dei cookie al fine di garantire una migliore navigazione.

Se si continua a navigare, si accetta il loro utilizzo da parte nostra. Benvenuto e buona navigazione

ROTARY INTERNATIONAL

DISTRETTO 2080 ITALIA

Club Aprilia-Cisterna

REGOLAMENTO

(Testo approvato dall’Assemblea dei Soci del 27 febbraio 2017)

PREAMBOLO

Il Rotary Club Aprilia Cisterna, costituito in data 15 aprile 1994, è un’associazione di servizio che fa parte e persegue le finalità istituzionali del Rotary International.

Il Club concorre a sostenere programmi umanitari di portata internazionale e a realizzare interventi specifici nella propria sfera di azione.

Art. 1 – Definizioni

Nel presente statuto i seguenti termini hanno il significato indicato a lato, a meno che il contesto non indichi altrimenti:

  1. Consiglio: il Consiglio Direttivo del club.
  2. Consigliere: un membro del Consiglio Direttivo.
  1. Socio: un Socio attivo del club, diverso dal socio onorario.
  2. Numero legale: Il numero minimo di partecipanti, che devono essere presenti alle votazione: un terzo per le decisioni dell’Assemblea, la maggioranza per le riunioni Consiglio Direttivo del Club.
  1. RI: il Rotary International.
  1. Anno: l'anno rotariano che inizia il 1° luglio e termina il 30 giugno dell'anno solare successivo.

Art. 2 – Consiglio Direttivo

E’ l'organo amministrativo del Club composto come minimo dal Presidente, Past President, Vice Presidente, il Presidente eletto, Segretario, Tesoriere, Prefetto e due Consiglieri.

Art. 3 - Elezioni e durata del mandato.

a. Un mese prima delle elezioni del Consiglio per le cariche di Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere, Prefetto e dei due Consiglieri possono essere presentate le candidature da una commissione composta dai soci indicati dal Consiglio

b. Il candidato che riceve la maggioranza dei voti per ogni ufficio viene dichiarato eletto a tale carica.

c. Se un membro che ricopre un ruolo decade o rende vacante per qualsiasi ragione la carica elettiva, i restanti membri del Consiglio dovranno eleggere il sostituto tra tutti soci.Se la vacanza si verifica nel Consiglio entrante, sarà questo a provvedere alla sostituzione.

d. Tutti i mandati per i membri del Consiglio durano un anno.

Le elezioni del Presidente e del C.D. si effettuano con le modalità e la tempistica seguenti:

e. Il Presidente, nel periodo iniziale del suo insediamento, interessa il C.D. ad eleggere i tre componenti della Commissione di sondaggio; altri tre membri verranno eletti tra i soci che non ricoprono mansioni all'interno del C.D. Tale elezione è effettuata a voto palese e per alzata di mano esclusivamente fra i Soci presenti al fine di poter subito accertare la disponibilità degli eletti ad assumere l’incarico;

f. contestualmente, il Presidente del Club chiederà ad ogni singolo Socio che abbia i requisiti la disponibilità, trasmettendo le candidature ricevute alla Commissione di Sondaggio;

g. la Commissione provvederà a sondare le preferenze tra i Soci del Club e riferirà le risultanze al Presidente del Club che esporrà le stesse all'Assemblea da tenersi entro il mese di Ottobre; Effettuato gli adempimenti di cui ai precedenti punti, il Presidente convocata l’Assemblea dei Soci, per la votazione e l'elezione del Presidente Entrante o Incoming. La votazione verrà fatta a scrutinio segreto e lo spoglio dei voti sarà effettuato da tre Soci scrutatori nominati dall’Assemblea.

h. nella successiva Assemblea il Presidente Eletto sottopone alla formale elezione i nominativi dei Soci da lui prescelti per comporre il C.D. dell’anno rotariano nel quale egli sarà Presidente. Il futuro Presidente, inoltre, si dedica alla preparazione delle varie Commissioni che dovranno operare nel suo anno di presidenza. Il Presidente in carica ha facoltà di dimettere – in ogni momento – i Consiglieri o Presidenti di Commissione. Il sostituto per assumere la carica propostadal presidente dovrà avere l'approvazione dell'Assemblea dei Soci.

i. Il futuro Presidente, con l’ausilio della Commissione medesima avvia un’indagine fra i Soci, intesa ad individuare uno o più candidati idonei ad assumere la carica di Presidente del Club allo scadere del suo mandato (luglio di due anni dopo). L’indagine suddetta deve concludersi entro il mese di Novembre.

l. Individuata la candidatura – secondo quanto previsto ai punti b, c del presente articolo - di almeno un candidato idoneo ad assumere tale funzione, il Presidente in carica convoca l’Assemblea, da tenersi nel mese di Dicembre, per procedere all’elezione di cui sopra. La votazione verrà fatta a scrutinio segreto e lo spoglio dei voti sarà effettuato da tre Soci scrutatori nominati dall’Assemblea.

m. In tutte le votazioni riferite a ruoli Presidenziali, l’esito di essa risulterà positivo se un candidato proposto otterrà la maggioranza dei voti dei Soci presenti (la metà più uno). n. L’eletto inizia subito a occuparsi della formazione del C.D. che egli, a sua volta, dovrà presentare all’assemblea che si svolgerà nel mese di Ottobre dell’anno successivo e che dovrà affiancarlo nel suo anno di responsabilità.

o. Un Socio per ricoprire la carica di Presidente del Club deve avere almeno 3 (tre) anni di regolare iscrizione e frequentazione del Club, e, deve aver ricoperto per almeno un mandato qualsiasi ruolo nel C.D. I tre anni di "anzianità" non sono necessari se il "candidato" ha già ricoperto il ruolo di Presidente nel Club o in altro Club Rotary.

p. La carica di Presidente non può essere ricoperta per più di due anni consecutivi.

Art. 4 - Compiti dei Responsabili

a. Il Presidente presiede le riunioni del club e del consiglio direttivo.

b. Il Past Presidente ricopre l’incarico di consigliere.

c. Il Presidente eletto, prepara il suo anno di mandato e ricopre l’incarico di consigliere.

d. Il Vice Presidente presiede le riunioni del club e regola i lavori quando il presidente è assente. e. Il Segretario verbalizza le riunioni e conserva la raccolta dei verbali. Ha il compito di tenere aggiornato l’albo dei soci e registrare le presenze alle riunioni.

f. Il Tesoriere supervisiona tutte entrate e le spese, custodisce i fondi fornendo il resoconto contabile annuale.

g. Il prefetto ha il compito di mantenere l'ordine nel corso delle riunioni del club.

Art. 5 - Riunioni

Entro e non oltre il 31 dicembre di ogni anno si tiene la riunione del club per eleggere i membri del Consiglio di Amministrazione per l’anno rotariano successivo.

Le riunioni del Club, le Assemblee dei soci, si terranno, in linea di massima, il 4° Giovedì di ogni mese con inizio alle ore 20.30.

Il C.D. si riunisce, di regola, il 1° Giovedì di ogni mese con ordine del giorno stabilito dal Presidente.

Le riunioni del C.D. sono valide se ad esse partecipa la maggioranza dei componenti effettivi. Le decisioni del C.D. si ritengono approvate se hanno ottenuto il voto favorevole della maggioranza dei componenti presenti.

L’Assemblea è convocata dal Presidente ogni qual volta si rende necessario.

Nelle riunioni di Assemblea il numero legale è costituito dalla presenza di almeno 1/3 dei Soci ordinari del Club.

Le riunioni del Consiglio si tengono ogni mese. Le Riunioni straordinarie del consiglio sono convocate con ragionevole preavviso dal Presidente o su richiesta di due consiglieri.

Arti. 6 – Quote sociali

La quota annuale per ogni socio è pari a euro 500,00. Il pagamento sarà effettuato con due rate semestrali, la prima da versare entro il 31 luglio e la seconda da versare entro il 31 gennaio. Detti versamenti includono la quota pro capite per il RI, un abbonamento a The Rotarian o una rivista regionale del Rotary, la quota pro capite Distrettuale, le spese del club e di eventuali altre esigenze determinate dal Consiglio Direttivo dal Distretto o da RI.

Art. 7 - Sistema di votazioneLe votazioni si effettuano con voto a voce o per alzata di mano salvo l'elezione del Consiglio, che condotta a scrutinio. Il Consiglio può anche fornire una scheda elettorale per il voto su alcune risoluzioni.

Il consiglio può tuttavia disporre che determinate decisioni siano prese a scrutinio segreto.

Art. 8 - Commissioni

Le commissioni del Club assolvono la funzione di coordinare gli sforzi per raggiungere gli obiettivi annuali e quelli a lungo termine. Le Commissioni ordinarie sono: Amministrazione del Club, Effettivo, Immagine pubblica, Fondazione Rotary, Progetti d’Azione, Nuove Generazioni. Il Consiglio può, secondo le esigenze contingenti, istituire delle Commissioni straordinarie.

Il presidente è membro ex officio di tutte le commissioni e, come tale, ha tutti i privilegi dei soci. E’ responsabile per le riunioni periodiche e le attività delle commissioni, supervisiona e coordina i lavori e riferisce al Consiglio su tutte le attività svolte.

Art. 9 - Finanze

Prima di ogni anno fiscale, il Consiglio prepara un bilancio annuale delle entrate e delle spese stimate.

Il tesoriere deposita i fondi presso un istituto finanziario designato dal consiglio. La contabilità sarà tenuta separatamente per le operazioni del club e per i progetti di servizio.

Le fatture vengono pagate dal tesoriere o da un altro funzionario autorizzato e approvato da altri due dirigenti o consiglieri.

Una volta l’anno una persona qualificata conduce una revisione contabile sulla contabilità del club.

Il bilancio consultivo del club deve essere presentato a fine anno ai suoi soci.

Ogni socio del club riceverà il bilancio annuale del club.

L’anno fiscale inizia il 1 ° luglio e finisce il 30 giugno dell’anno successivo.

Art. 10 - Metodo di ammissione al club

Le proposte di ammissione di nuovi soci vanno presentate, da un socio regolarmente iscritto al Club, direttamente al Consiglio. Un socio di un altro Club può essere proposto come socio attivo dal club di provenienza.

Il segretario comunicherà a tutti i soci del club il curriculum del potenziale nuovo socio, dando termine per eventuali obiezioni od osservazioni.

Il consiglio approva o respinge l'ingresso del candidato entro 30 giorni e notifica al socio presentatore la sua decisione.

Se il Consiglio approva l'adesione del candidato, il potenziale socio è invitato a entrare nel club.

Art. 11 - Modifiche

Questo Regolamento può essere emendato nel corso di una qualsiasi riunione ordinaria del club regolarmente convocata con l’indicazioni delle modifiche da apportare inserite nell’O.D.G. della stessa.

La modifica richiede l'invio di una comunicazione scritta a ciascun socio 10 giorni prima della riunione.

Per l’approvazione delle modifiche sono sufficienti la presenza del quorum per la regolare costituzione dell’Assemblea e i due terzi dei voti favorevoli.

Le modifiche a questo statuto devono essere coerenti con lo Statuto tipo del Rotary Club, della Costituzione del RI e dello Statuto, e il Rotary Code of Policies.