Questo sito è impostato per consentire l'utilizzo dei cookie al fine di garantire una migliore navigazione.

Se si continua a navigare, si accetta il loro utilizzo da parte nostra. Benvenuto e buona navigazione

DJ-ImageSlider

  • -rassin.jpg
  • 1.jpg
  • 200.JPG
  • 20160121_US_009.jpg
  • 20160122_US_053.jpg
  • 20160128_232043.jpg
  • 120160119_US_168.jpg
  • slide070.jpg

Museo Archeologico Lanuvio 5 giugno 2016

Giornata all'insegna dell'archeologia quella organizzata da Rotary Club Aprilia Cisterna domenica 5 giugno 2016 presso il sito archeologico di Lanuvio.

La visita, guidata dal socio Luca Attenni, direttore scientifico degli scavi e direttore del Museo di Lanuvio, è partita dagli scavi  nella zona del tempio di Giunone Sospita per poi proseguire presso villa Sforza Cesarini, il locale Museo Archeologico e poi, una vera chicca, nella grotta contenente i reperti votivi recuperati in zona Pantanacci.

Una puntatina ristoratrice organizzata da Nicoletta e Luigi e poi via verso il nostro agriturismo in zona Ponte Loreto, sulla storica via Astura.

Un ringraziamento particolare lo dobbiamo a Luca, di cui riportiamo un breve profilo:

Luca Attenni è laureato in Lettere Antiche con tesi in Archeologia e Storia dell’Arte greca e romana presso l’Università di Roma La Sapienza, diplomato alla Scuola di Specializzazione in Archeologia Classica presso la stessa Università, dal 1999 dirige il Museo Civico Lanuvino e dal 2008 quello di Alatri. Collabora attivamente con la Soprintendenza Archeologica per il Lazio, con l’Università La Sapienza di Roma e con l'Università di Roma Tre. Dal 2010 ha la co–direzione scientifica, con il Prof. Fausto Zevi, dello scavo archeologico presso il Santuario di Giunone Sospita a Lanuvio (Rm) e dal 2012 la direzione scientifica dello scavo della stipe votiva in località Pantanacci, svolti ogni anno sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, in collaborazione con il comune di Lanuvio e l’Università La Sapienza di Roma. Dal 2005 è membro del comitato scientifico di “Forma Urbis”, dal 2007 è curatore dei “Tascabili di Forma Urbis” sul Lazio e dal 2008 è nel comitato scientifico della collana editoriale “ESPERA” di ESS.